fbpx

IMPARZIALI, COSTRUTTIVI, ACCESSIBILI

Home Interviste "Da Istanbul dimostro che un'altra Turchia è possibile"

“Da Istanbul dimostro che un’altra Turchia è possibile”

Tempo di lettura stimato: 7 min.

-

Il 23 giugno 2019, Ekrem Imamoğlu è diventato Sindaco di Istanbul riuscendo a sconfiggere il candidato dell’Akp, il partito del Presidente Erdoğan per la prima volta in 25 anni. Per capire meglio le dinamiche che hanno influenzato la sua elezione, Riccardo Gasco lo ha intervistato per Orizzonti Politici. Per conoscere meglio la sua storia Oripo gli ha dedicato un’analisi in questo articolo.

 

Come elabora il significato della sua elezione e il raggiungimento della carica di Sindaco?

Il 31 di marzo, gli elettori di Istanbul, hanno fatto la loro scelta fidandosi di me. Il risultato delle elezioni è arrivato molto tardi e alla fine, il 6 maggio 2019 [le elezioni], sono state cancellate. 16 milioni di persone a Istanbul ritengono che questa grande ingiustizia sia stata fatta nei loro confronti. Il 23 giugno abbiamo dato una grande lezione di democrazia ai politici di tutto il mondo, aumentando la differenza di voti da 14mila a 806mila. Il popolo di Istanbul ha chiaramente risposto all’ingiustizia del 6 maggio con la seconda tornata elettorale del 23 giugno.

Abbiamo riniziato il nostro percorso con la consapevolezza che tutta la gente di Istanbul ha vinto le elezioni. Sin da subito abbiamo iniziato a mettere in pratica con determinazione la nostra idea della prossima generazione di governo locale. Non avrò nessun ordine del giorno, nessun’altra priorità, se non quella di fare questo dovere in modo adeguato per i miei figli, la mia famiglia, e tutti gli istanbulioti. Abbiamo iniziato un periodo di fratellanza, amore e rispetto. Non ho intenzione di gestire questa città da solo. Approfitterò della nostra gente e di tutti i ceti sociali. Qualunque sia l’opinione politica, chiunque abbia la diligenza del merito e l’amore per il servizio lavora con me.

In che modo i media turchi rappresentano Istanbul e la vostra governance?

I media devono proteggere il diritto delle persone a ricevere informazioni e trasmetterle liberamente, questo è il loro dovere. Tuttavia, tutti sanno che ci sono serie difficoltà nella Turchia di oggi su questo tema. Ci sono alcuni media che scrivono e dicono la verità, ma purtroppo c’è chi ne paga il prezzo nelle carceri. Permettetemi di sottolineare che questa è una pessima reputazione per il nostro Paese. A parte questo, ci sono così tanti membri dei media che mentono su di me e scrivono su di me che credo abbiano sofferto di problemi mentali. Mi riferisco al buon senso della gente. Anche se non ci danno lo spazio che meritiamo, continueremo a camminare per la nostra strada perché siamo capaci di rivolgerci bene al pubblico anche mediante l’utilizzo dei social media. 

Fin dall’inizio della sua campagna politica, la gente ha iniziato ad apprezzare il suo modo di parlare inclusivo e il suo modo di rivolgersi a tutti. La gente si è sentita coinvolta nel suo nuovo progetto di rinnovamento. Pensa che questo nuovo linguaggio possa essere utilizzato anche in prospettiva nazionale?

Certo. Perché la nostra epoca, l’epoca dei governanti che toccano la gente… alla gente non piace il linguaggio della lotta, sta lontana dal linguaggio della politica che divide. Il compito della politica è quello di produrre servizi per il pubblico, non di combattere con il pubblico. La politica deve utilizzare il linguaggio giusto e dell’amore, lasciando da parte il linguaggio divisivo, e se qualcuno non fa ciò che è necessario oggi, fategli sapere che domani non sarà sulla scena politica.

Come è riuscito ad ottenere il sostegno dell’elettorato curdo? 

Voglio che venga tolta una parola dall’agenda di questo Paese: Minoranza. Come possiamo definirli così? Facciamo tutti parte dei 16 milioni di cittadini, compresi i curdi. Anche solamente contarli significa dividere. Ho forse chiesto alla gente di votare alle elezioni chiedendo la loro etnia? Oggi non lavoriamo guardando la lingua, la religione, la setta, l’opinione politica, il genere e l’abbigliamento di nessuno; al contrario, non vediamo affatto queste differenze. Vogliamo che le persone delle nostre unità comunali entrino e ne escano felici; questo è il mio consiglio a tutti i miei amici in ogni momento.L’etnia o il credo di uno qualsiasi dei nostri cittadini non determinerà il nostro atteggiamento. 16 milioni di istanbulioti hanno votato indiscriminatamente perché lo sapevano e credevano in noi.

Istanbul ospita molti rifugiati provenienti da tutto il mondo, soprattutto una cospicua componente siriana. Che cosa pensa del fatto che i siriani siano visti come un capro espiatorio?

Non siamo favorevoli al fatto che qualcuno venga visto come un capro espiatorio. Non sosteniamo l’uso di un tale discorso o di un tale approccio. Tuttavia, Istanbul ha una popolazione di rifugiati di circa 1 milione di persone. Ciò significa che circa il 7 percento della città è popolata da rifugiati siriani. Il processo è stato lungo. Un altro dato interessante è che il 46 per cento dei siriani ha meno di 18 anni. L’età media è di 21,66 anni. Stiamo parlando di bambini e giovani. Con la crisi economica che si è aggiunta a questo rapido cambiamento, i nervi della città sono stati tesi. Ma questo non costituiva un’ostilità nei confronti dei siriani.

La società ha adottato un approccio molto innovativo in merito a questo processo. In casi come questo, in altri paesi, abbiamo assistito a gravi atti di razzismo. Naturalmente crediamo che queste persone andranno nel loro paese, perché è la loro patria. Spetta a noi lavorare per aiutarli a raggiungere questo obiettivo nel modo più sano possibile. Il Chp non ha avuto un atteggiamento o un suggerimento sbagliato su questo tema. Se a un certo punto ci sono uscite personali, è necessario tenerle separate, cosa che non so se esistano. Il Chp sta facendo del suo meglio per porre fine al problema siriano il prima possibile in un modalità che sia pacifica e che garantisca l’integrità territoriale del Paese.

Dato che il governo centrale ha tagliato molti fondi destinati alla Municipalità di Istanbul, come gestirà i nuovi investimenti e progetti?

Le banche che pagano tutti gli stipendi e le transazioni del comune, cioè le banche con il potenziale più elevato per gestire le loro operazioni correnti, sono banche statali. Subito dopo l’elezione, alcuni dei prestiti che utilizzavamo abitualmente, anche quelli che ci aiutavano a risolvere le necessità quotidiane, non ci sono stati messi a disposizione. Siamo andati a cercare prestiti dalle banche private e straniere. Purtroppo, la porta delle banche statali è chiusa per noi. Non solo nel nostro comune ma anche nelle altre 11 città governate da sindaci del Chp. Grazie ai viaggi che abbiamo effettuato siamo anche riusciti ad ottenere prestiti dalla Germania, dalla Francia e da Londra. La municipalità di Istanbul può utilizzare la vendita di obbligazioni come metodo di finanziamento. Ci stiamo lavorando. Naturalmente dobbiamo agire in conformità con le politiche economiche e con le leggi del paese. Credo che lo sforzo economico che abbiamo fatto a favore del Paese sarà accettato e compreso dai manager economici che fanno politica in maniera intelligente. La mia aspettativa è che ci sia un sostegno da parte del governo centrale.

Che misure sta adottando per rendere la sua governance più trasparente e democratica?

Dopo aver preso il comando, abbiamo preso decisioni molto radicali in favore della trasparenza e della democrazia. Vogliamo fare la differenza in questo campo attuando una “democrazia coraggiosa”. Ho espresso il mio obiettivo di diventare il sindaco più democratico del mondo in ogni occasione

Non ho alcuna intenzione di rinunciare a questo. Abbiamo aperto la nostra società e le nostre partecipate alla revisione contabile indipendente. Il nostro obiettivo è quello di rendere il nostro comune un’istituzione finanziariamente sicura e trasparente. Il fatto che possiamo facilmente trovare credito all’estero è dovuto al successo delle iniziative prese in questa direzione. Le nostre riunioni del consiglio sono in diretta televisiva. Nessuno ha più punti interrogativi.

Abbiamo anche deciso di utilizzare il linguaggio della pace nel governo locale. Abbiamo adottato una posizione democratica. Abbiamo creato la nostra visione futura chiedendo a 200mila persone. Non trovo che questo numero sia sufficiente. Abbiamo la possibilità di fare domande a 3 milioni di Istanbul per fissare i nostri obiettivi futuri. Tuttavia, è la prima volta che si verificano pratiche di questo tipo, processi decisionali con una partecipazione così ampia. Rinnoveremo tali pratiche in ogni occasione possibile perché abbiamo promesso a 16 milioni di persone di usare le loro idee e di raggiungerli mediante l’utilizzo del buon senso.

L’8 marzo la marcia delle donne è stata bloccata dalla polizia. Tra le altre donne c’erano anche Canan Kaftancıoğlu e alcune deputate del CHP. Lei non li ha né appoggiati né sostenuti. Non pensa che sarebbe stato importante dare un messaggio alla nazione dalla sua posizione? 

Ho spiegato più volte il mio punto di vista su questo tema in tutti i media. Ho fatto mio il principio che i diritti delle donne e le donne dovrebbero essere in ogni posizione che meritano. È chiaro cosa ho fatto in questo campo da quando sono diventato presidente della municipalità di Istanbul. Per la prima volta nella storia della municipalità sono state nominate donne vicesegretari generali. Il problema non sono solo gli incarichi, ma anche il linguaggio utilizzato e tutto il lavoro svolto è volto ad eliminare la discriminazione di genere. Il fatto che io sia stato o meno ai campi da gioco di cui parla non è sufficiente per capire la mia posizione in merito. La mia sensibilità per le donne e i diritti delle donne è nella conoscenza di tutto il paese. Il Comune Metropolitano, di cui sono a capo, organizza anche molti eventi legati alla Giornata Internazionale della Donna. Abbiamo molto lavoro da fare su questo, quindi vorrei che ci seguiste.

 

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,675FansMi piace
3,071FollowerSegui
1,382FollowerSegui
270FollowerSegui