Mondo

Incertezza attorno Julian Assange

A distanza di tre settimane dalla nostra rubrica “Le 5 cose che non sai su…” che aveva visto Julian Assange, fondatore di Wikileaks, protagonista dopo il suo arresto a Londra (https://orizzontipolitici.it/le-5-cose-che-non-sai-su-julian-arrange/), ieri è arrivata una sentenza importante. 

Infatti Assange è stato condannato a 50 settimane di reclusione per una violazione dei termini della libertà provvisoria risalente al 2012, l’anno in cui si rifugiò nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Ma questo non è ciò che preoccupa veramente la mente di Wikileaks. 

Quello che lo spaventa è la questione che è stata discussa oggi nel tribunale di Westminster: la richiesta di estradizione degli Usa per presunta “pirateria informatica”. Come previsto, Julian ha confermato e affermato di volersi opporre alla richiesta d’estradizione presentata contro di lui dagli Stati Uniti. Mettendosi nei suoi panni, non si può dar torto alla sua opposizione in quanto negli USA è visto come una sorta di nemico primario, data la diffusione di documenti riservati da parte di Wikileaks, che incriminavano gli Stati Uniti con atti commessi dalle forze americane in Iraq e Afghanistan. Il trattamento che riceverebbe oltreoceano potrebbe essere diverso rispetto a quello in Inghilterra. Inoltre, bisogna ricordare che Assange è stato ricercato anche dalla magistratura svedese per presunti abusi sessuali prima del suo rifugio nel 2012, ma da quando è stato arrestato il caso rimane archiviato. 

Quindi, il processo che porterebbe all’estradizione potrebbe durare molto, fino a un parere finale del governo britannico, ma le minacce dall’estero per Assange non vengono solamente dagli USA. 

Seguiteci per futuri aggiornamenti! 

Condividi:

Post correlati