Il bollettino del 4 Marcio

Cronache dal 4 Marcio — 71esimo Bollettino Settimanale

Anno domini 19 d.C. (dopo Craxi): a distanza di settantuno settimane dalle elezioni del 4 marcio sono in molti a essere in spiaggia.

È in spiaggia il vicepremier Salvini in giro per il Papeete Beach con la canna da pesca. E di italiani che abboccano ce ne sono molti.

È in spiaggia Alessandro Di Battista durissimo con la Lega definita “un partito di sistema capace di camuffarsi meglio” e sicuro che gli italiani se ne accorgeranno presto. Lui potrebbe iniziare avvisando i suoi compagni di partito.

È in spiaggia Carlo Calenda irritato che il suo partito abbia raggiunto certe vette di stupidità. Credeva di avere l’esclusiva.

Ma non è in spiaggia Di Maio che invita il Carroccio a dire pubblicamente se vuole più ministri. L’intuizione non è mai stata il suo forte.

Canzone della settimana: parole, parole, parole. Il Leitmotiv più efficace per spiegare come Conte ha risposto alle richieste della von der Leyen sul nome del commissario europeo.

Condividi:

Post correlati