fbpx

IMPARZIALI, COSTRUTTIVI, ACCESSIBILI

Home Analisi Come Bolsonaro cambia la politica energetica brasiliana

Come Bolsonaro cambia la politica energetica brasiliana

Tempo di lettura stimato: 3 min.

-

Il cambio di rotta di Bolsonaro

Le ultime settimane sono state calde per il settore energetico in Brasile, che tramite il suo Presidente Bolsonaro sta cambiando radicalmente politica energetica. Il panorama energetico è stato scosso da una serie di eventi recenti, tra cui l’annuncio di un nuovo piano per promuovere un forte calo dei prezzi del gas, le scoperte di Petrobras delle principali riserve di petrolio e gas a Sergipe e la privatizzazione di BR Distribuidora, la più grande del Brasile distributore di carburante – come il primo di molti disinvestimenti previsti.

L’obiettivo di Guedes, il ministro dell’economia brasiliano, è di spezzare il monopolio di Petrobras in tutto il settore energetico e aumentare la concorrenza nel tentativo di abbassare i prezzi del gas e del carburante- Per il settore del gas, ciò sarà raggiunto attraverso il programma del Nuovo mercato del gas del governo, che richiede ulteriori produzioni, modifiche normative e ulteriori investimenti in infrastrutture che dovrebbero ridurre i prezzi del 40 percento nei prossimi due anni. “Riteniamo che l’impatto della reindustrializzazione possa raggiungere l’8 percento del PIL in 10 anni … Stiamo lavorando per reindustrializzare l’economia brasiliana attraverso energia a basso costo”, ha affermato Guedes al lancio del programma sul gas naturale.

Sebbene l’industria sia l’obiettivo principale del nuovo mercato del gas, il progetto potrebbe avere effetti più profondi sulla produzione di energia del Paese. Questo perché il gas può essere utilizzato anche per generare elettricità nelle centrali termoelettriche. Attualmente, questo è il modello più costoso e viene utilizzato solo in caso di guasto di fonti più economiche, come l’idroelettrico.

L’energia idroelettrica è stata il modello più importante per la generazione di energia in Brasile per decenni, ma la sua quota della matrice elettrica è in calo, da quasi il 90 percento nel 2002 a quasi il 60 percento nel 2019. Parte di questa riduzione è dovuta a un aumento di altre fonti, come l’energia solare ed eolica, anche se il sistema è stato influenzato anche dal clima più secco.

“Con l’attività economica lenta e i cambiamenti climatici, le centrali termoelettriche hanno utilizzato più gas naturale di quello dell’industria. Questa fonte di generazione trarrà vantaggio anche dal calo dei prezzi del gas “, spiega Schwyter.

Privatizzazioni crescenti

Guardando al futuro, il gas potrebbe rappresentare nella politica energetica di Bolsonaro un vantaggio per un’altra sfida che il Brasile deve affrontare: i negoziati con il Paraguay sulla diga di Itaipu. La centrale elettrica binazionale rappresenta il 15 percento dell’energia consumata in Brasile e il 90 percento in Paraguay. Il paese vicino ha diritto al 50 percento dell’energia complessiva generata, ma ne utilizza solo il 14 percento e vende il resto in Brasile.

La recente privatizzazione del distributore di carburanti BR Distribuidora è stato un altro grande passo verso la rottura del monopolio di Petrobras. Il colosso dell’energia ha venduto quasi la metà delle sue azioni nella società di distribuzione, aumentando il necessario piano di R $ 9,6 miliardi ($ 2,4 miliardi) al suo piano di disinvestimento e riduzione del debito.

Tuttavia, ciò non significa che la società sarà completamente libera da interferenze politiche, poiché Petrobras rimane il principale azionista di BR Distribuidora, con una partecipazione del 37,5 per cento. Per Daltozo, la società sarà più snella e più agile, “ma le interferenze del governo continueranno”. A suo avviso, c’è poco vantaggio per le azioni di BR Distribuidora, che sono aumentate del 10 percento dopo l’annuncio dell’offerta successiva.

Questioni normative

Come al solito in Brasile, la regolamentazione aggrovigliata può essere un ostacolo ostinato, anche se Bolsonaro nel suo nuovo piano vorrebbe rivedere tutto ciò. Come visto in altri settori cardine, la catena di approvvigionamento del gas è regolata da diverse agenzie e livelli di governo: l’esplorazione e la produzione, ad esempio, sono questioni federali, ma la distribuzione è decisa a livello statale.

“Ogni stato ha un’agenzia per regolare le società di distribuzione del gas. Gran parte di questi sono di proprietà statale, ma ci sono state notizie su potenziali privatizzazioni. La concessione è permessa dagli Stati e il resto è regolato a livello federale. A volte i regolamenti non sempre si completano a vicenda. Ogni stato addebita inoltre aliquote fiscali diverse e questa potrebbe essere la causa scatenante del fallimento del piano, coadiuvata da una pubblica amministrazione storicamente corrotta come quella brasiliana.

In passato avevamo intravisto parte degli eventi poi realmente accaduti in Brasile, mentre lo stesso Bolsonaro risponde così alla cancelliera Merkel riguardo il tema della deforestazione, un tema che sta mostrando purtroppo non avere a cuore quanto la politica energetica del paese.

Davide Cardeniohttps://orizzontipolitici.it
Dalla Puglia alla Bocconi, studio Scienze Politiche a Milano. In Puglia ho partecipato al Parlamento Regionale dei Giovani, diventandone Presidente. Probabilmente appartenente all'ala sinistra di OriPo, ma le posizioni cambiano ogni giorno e sto per diventare liberista...

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,688FansMi piace
3,163FollowerSegui
1,382FollowerSegui
294FollowerSegui