fbpx

IMPARZIALI, COSTRUTTIVI, ACCESSIBILI

Home Analisi Hong Kong, università in rivolta

Hong Kong, università in rivolta

Tempo di lettura stimato: 2 min.

-

Non accennano a raffreddarsi le proteste di Hong Kong, ancora teatro di scontri fra la polizia e i manifestanti. Dopo che la scorsa settimana la Chinese University ha annunciato la chiusura per l’intero semestre, anche la Polytechnic University si è trasformata in un vero e proprio campo di battaglia. Fra ieri e oggi 116 persone sono rimaste ferite, e centinaia di studenti sono tuttora bloccati all’interno del campus.

Ma cosa sta succedendo?

La polizia ha circondato l’università dopo giorni di occupazione da parte dei manifestanti, ordinando di gettare le armi e abbandonare l’area. Nel frattempo, violente esplosioni, fiamme e macerie circondano l’edificio: in risposta alle bombe d’acqua e ai gas lacrimogeni lanciati dalle forze dell’ordine, i manifestanti hanno provato a bloccare tunnel e vie di passaggio e utilizzato bombe a petrolio e altre armi improvvisate. Diversi studenti stanno tentando di abbandonare l’università ormai semi-distrutta mentre genitori preoccupati si accalcano fuori dal Politecnico e gli studenti stranieri in scambio sono stati mandati a casa. Fra questi vi è anche una nostra compagna di corso, la cui testimonianza vorremmo condividere con voi con le immagini e i video che trovate in questo post.

I possibili sviluppi

Il governo cinese ha dichiarato che “nessuno deve sottostimare la volontà della Cina di salvaguardare la propria sovranità su Hong Kong”. Parole forti che non sembrano premonire il placarsi delle proteste né favorire una soluzione di compromesso. Come se non bastasse, il governo di Hong Kong ha fatto intendere che se le proteste non dovessero rientrare, le elezioni distrettuali previste per domenica saranno annullate. Mentre incalzano le manifestazioni nel mondo, Hong non sembra propensa a trovare pace.

Per ripercorrere l’evoluzione delle proteste ad Hong Kong:

– I primi scontri: https://orizzontipolitici.it/scontri-violenti-ad-hong-kong/
– La scarcerazione di Joshua Wong, leader delle proteste: https://orizzontipolitici.it/da-ombrelli-a-mascherine-le-proteste-per-il-suffragio-universale-ad-hong-kong/
– Le proteste ad Hong Kong, quattro mesi dopo: https://orizzontipolitici.it/le-proteste-a-hong-kong-quattro-mesi-dopo/
– Intervista a un ragazzo in protesta: https://orizzontipolitici.it/intervista-a-un-ragazzo-in-protesta-a-hong-kong/
– Le proteste alla Chinese University: https://orizzontipolitici.it/le-proteste-di-hong-kong-e-la-violenza/
– Hong Kong, Kashmir, Palestina: ex colonie in cerca di sovranità: https://orizzontipolitici.it/hong-kong-kashmir-palestina  

Redazione
Orizzonti Politici è un think tank di studenti e giovani professionisti che condividono la passione per la politica e l’economia. Il nostro desiderio è quello di trasmettere le conoscenze apprese sui banchi universitari e in ambito professionale, per contribuire al processo di costruzione dell’opinione pubblica e di policy-making nel nostro Paese.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,696FansMi piace
3,206FollowerSegui
1,382FollowerSegui
306FollowerSegui