fbpx

IMPARZIALI, COSTRUTTIVI, ACCESSIBILI

Home Analisi Europa Cara Europa, questa volta non sappiamo se hai ragione.

Cara Europa, questa volta non sappiamo se hai ragione.

Tempo di lettura stimato: 2 min.

-

Spesso ci siamo ritrovati a difendere l’Europa di fronte ad accuse e malumori, alcune volte infondati, altre errati nelle loro ragioni. Oggi, il ministro degli interni Salvini ed esponenti di banche italiane ed europee l’hanno criticata, ma forse non hanno tutti i torti.

Salvini ha definito l’atteggiamento della BCE (Banca Centrale Europea) “prevaricatore”. Perché? La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la proposta della BCE emersa negli SREP 2019 (Supervisory Review and Evaluation Process) che richiede agli istituti bancari italiani di aumentare le coperture fino a svalutare integralmente lo stock di crediti deteriorati (quei crediti delle banche che i debitori non riescono più a ripagare regolarmente o del tutto) in un arco pluriennale predefinito (si dice intorno al 2026). Se fino a venerdì ciò sembrava relativo alla sola Monte dei Paschi di Siena, oggi sembra essere un provvedimento per tutte le banche italiane ed europee. “Un totale di 37,5 miliardi di sofferenze nette”, come dice Il Sole 24ore, “che dovranno essere gradualmente svalutate da qua ai prossimi anni insieme ad altri 60 miliardi di inadempienze probabili nette”.

Quali potrebbero essere gli effetti di questa decisione? Il solo diktat sulla MPS di venerdì aveva portato a una pesante discesa della quotazione in borsa di molti titoli di credito italiani (CreVal, Banco Bpm, UniCredit e Intesa Sanpaolo per citarne alcune). Questo fa pensare che una maggiore diffusione della proposta creerà più instabilità in un sistema finanziario che già stenta ad andare avanti, come quello italiano. 

Salvini pone una domanda interessante: “Può un’istituzione non politica prendere con leggerezza decisioni che influiscono profondamente sulla vita e i risparmi dei cittadini?” Ci si può provare a rispondere, ma una cosa certa è che “leggerezza” non è il termine più adatto per definire l’azione della BCE, in quanto ha effetti su tutte le banche dell’Unione (119), e si immagina che di conseguenza, la decisione sia stata a lungo ragionata.

Per approfondire:

https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-01-15/non-solo-mps-bce-ha-imposto-svalutazioni-npl-tutte-banche-100809.shtml?uuid=AE9QuAFH

https://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2019-01-14/banche-sotto-pressione-richiesta-bce-siena-npl-110819.shtml?uuid=AErFtUEH

Redazione
Orizzonti Politici è un think tank di studenti e giovani professionisti che condividono la passione per la politica e l’economia. Il nostro desiderio è quello di trasmettere le conoscenze apprese sui banchi universitari e in ambito professionale, per contribuire al processo di costruzione dell’opinione pubblica e di policy-making nel nostro Paese.

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2,773FansMi piace
3,408FollowerSegui
1,382FollowerSegui
343FollowerSegui